Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

2014-08-27 13.00.34

Quanti non hanno mai sentito parlare del pollo alle mandorle? Si tratta di un secondo piatto considerato un “Classico” per eccellenza della cucina cinese.

Possiamo però ricreare un’atmosfera orientale nella nostra casa, nel nostro nido d’amore, con candele ed incensi, bacchette e ricette esotiche, tra cui il pollo alle mandorle.

Gli ingredienti sono reperibili in tutti gli ipermercati, dove potete trovare anche le classiche bacchette chopsticks, per offrire un’atmosfera completamente in stile asiatico.

Se volete essere rigorosamente in linea con la cucina cinese dovrete preparare il pollo alle mandorle nella  wok, la tipica padella orientale con i lati ripidi e la parte inferiore arrotondata. Questa forma particolare consente di friggere in immersione utilizzando una piccola quantità di olio. In oriente viene utilizzata per tutti i tipi di cottura: dalla rosolatura veloce degli ingredienti alla frittura, dalla stufatura fino alla cottura a vapore. Se non avete la possibilità di reperirla potete tranquillamente utilizzare una normale padella antiaderente abbastanza capiente.

Ultima puntualizzazione: la salsa di soia ha un costo non accessibilissimo, e poichè la quantità da utilizzare in questa ricetta è davvero minima, potrebbe risultare sprecato affrontare l’acquisto di questo ingrediente. Il mio consiglio per sostituirla è quello di usare, al suo posto, due cucchiaini rasi di zucchero di canna ed un cucchiaino raso di aceto balsamico.

Ingredienti:

– 500 gr di petto di pollo già tagliato in fettine;

– 150 gr di mandorle pelate;

– 1 cucchiaio di zenzero grattugiato fresco;

– Farina tipo “00”, q.b.

– 1/2 cipolla bianca tritata finemente,

– 4 cucchiai di olio di semi di girasole;

– 60 gr di salsa di soia; per sostituirla vanno benissimo 2 cucchiaini rasi di zucchero di canna ed un cucchiaino raso di aceto balsamico;

– Sale, q.b.;

– Acqua, q.b.

 

Iniziamo col munirci di una forbice da cucina e tagliamo il petto di pollo in piccoli bocconcini dalle dimensioni di 2 cm circa, avendo l’accortezza di eliminare le parti di grasso più evidenti.

In una coppa capiente e munita di coperchio, aggiungiamo la farina di tipo “00” ed inseriamo i bocconcini di pollo ottenuti precedentemente uno ad uno, per evitare che aderiscano tra di loro.

Chiudiamo la coppa con il coperchio ed agitiamo per qualche secondo, in modo che i bocconcini possano infarinarsi per bene.

A questo punto tiriamoli fuori dalla coppa, sempre uno ad uno, ed adagiamoli in un vassoio.

In una padella Wok, ma una padella antiaderente abbastanza capiente va ugualmente bene, facciamo soffriggere i 4 cucchiai di olio di semi di girasole ed aggiungiamo la cipolla tritata, oltre allo zenzero grattugiato fresco, lavato e pelato in precedenza. Lasciamo dorare gli ingredienti per qualche minuto a fuoco medio.

Al soffritto speziato aggiungiamo ora i bocconcini di petto di pollo, un pizzico di sale e facciamo cuocere a fuoco medio per circa 15 – 20 minuti.

Qualche minuto prima del termine della cottura dei bocconcini di pollo, uniamo la salsa di soia (o in alternativa due cucchiaini rasi di zucchero di canna ed un cucchiaino raso di aceto balsamico), amalgamiamo per bene gli ingredienti ed aggiungiamo un paio di mestoli di acqua calda, girando con un cucchiaio in legno. Teniamo la cottura sotto controllo, poichè se il pollo dovesse seccarsi, dobbiamo aggiungere ancora un po’ d’acqua calda ed abbassare la fiamma.

Mentre la cottura del petto di pollo volge al termine, formando la classica salsina color nocciola che contraddistingue questo piatto, facciamo tostare le mandorle in una padella antiaderente, dopo aver scaldato circa un cucchiaio di olio di semi.

Una volta tostate,  uniamo le mandorle ai bocconcini di pollo ed amalgamiamo delicatamente gli ingredienti. Spegniamo la fiamma e serviamo il nostro pollo alle mandorle a tavola, dopo aver distribuito le bacchette chopsticks ai nostri ospiti!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
Scegli la tua lingua
Categorie
Archivi